Giù le zampe dai miei croccantini! L’angolo di Sasha

Giù le zampe dai miei croccantini! L’angolo di Sasha

Approfitto dell’occasione per rispondere ai miei hater: io non sono affatto grassa. Ho la forma perfetta per una dea felina mista a macchina mortale di caccia. Come i microfoni di casa hanno imparato nel modo più duro. E definitivo. Questo è un dettaglio importante per capire la natura del triste misfatto che si rischia di perpetrare a breve. Il furto dei miei croccantini. Che poi, tutto sommato, sono una dea generosa: a me piacciono al tonno. Non sono carnivora. Sono perfettamente sostenibile, sia ecologicamente che economicamente. Quindi è imperativo svelare chi minaccia le mie scorte di cibo.

Lunghe ore di appostamento mi hanno permesso di ricostruire l’infame vicenda. YouTube, dopo soli quattro mesi di sonno, ha deciso che i sostenitori de La Casa del Sole dovevano ricevere indietro i propri soldi. E questo nonostante, lo so per testimonianza diretta, la mia padrona abbia intensificato al massimo umano la produzione di video. Pensate, mi ha fatto così tanta tenerezza che questo mese non ho distrutto quasi nulla. Quasi. Comunque il tema non è questo. Il tema è che questa mossa prevede che YouTube ci entri, non autorizzato, nel conto in banca e lo svuoti. Ci prenda tutti i soldi che ritiene dovuti. E li dia alle persone. È, ovviamente, una sporca tecnica con cui si cerca di metterci contro i nostri amici. I Cacciatori di Verità.

La mia padrona ha reagito in maniera molto umana. Ovvero senza uccidere nessuno, cosa che io avrei fatto senza alcuna remora. Ma pare che i non felini non applichino il concetto che se metti a rischio la mia sopravvivenza io posso difendermi con unghie e denti. Ho sentito addirittura raccontare di quando lo fece il Governo, di mettere le mani nei conti correnti. Non so come sia finita, ma in tipica ironia umana so che si chiamava Amato. Ecco, tornando ai miei croccantini, la parte ignobile di questo ricatto è che per evitarlo dovremmo chiedere nuovamente la monetizzazione dei nostri video.

Cioè tornare dal tribunale invisibile dei padroni universali chiedendo loro, per favore, di lasciarci tenere quello che voi, nella vostra infinita generosità ci avete destinato per continuare la lotta contro i tribunali invisibili dei padroni universali. È palese anche a una gatta che questa cosa non possa funzionare. Soprattutto se gli amici ci hanno lasciato soli (e con pericolosamente pochi croccantini) dietro le linee nemiche a combattere la battaglia del nostro secolo. Salpati di notte, con una nave che doveva portare anche noi, non ci hanno nemmeno salutato. Da gatta tutto sommato ne sono felice, da soli si vive meglio. La mia padrona non ne è affatto convinta.

Ma io so che è forte e ce la faremo. Anche perché stavolta starò io di guardia alla porta. E sarò pronta a combattere ogni ladro nella notte. E so che voi, cari Cacciatori di Verità, sarete al mi9o fianco. Dimostrando che questa strategia parte perdente. E ogni volta che mangerò un croccantino penserò a ciascuno di voi con animo felinamente grato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *