Mojahedin-e Khalq (MEK): dietro alla richiesta del rispetto dei diritti umani in Iran c’è dell’altro

Ad Ashraf-3 – così si chiama il nuovo Quartier Generale della Resistenza Iraniana, in Albania – il Consigliere per la Sicurezza informatica della Casa Bianca, Rudy Giuliani, ha sostenuto il MEK come “valida alternativa al regime del terrore che da 40 anni opprime l’Iran” e ha definito Maryam Tajavi “l’unica vera rappresentante del popolo iraniano”.  

A circa 50 chilometri da Tirana, Ashraf-3 assomiglia a una piccola città pesantemente sorvegliata, con parchi, sale conferenze, ristoranti e piscine. E’ “il nuovo epicentro della resistenza iraniana, che mostra la sua potenza mentre il mondo perde la pazienza con l’Iran”, commenta Ali Safavi, membro del Consiglio Nazionale della Resistenza Iraniana (NCRI). Alla conferenza, intitolata “120 anni di lotta del popolo iraniano per la libertà”, tenutasi il 12 e 13 luglio, hanno partecipato migliaia di membri del MEK e circa 300 politici provenienti da tutto il mondo. Tra gli altri, Ingrid Betancourt, ex senatore colombiano e candidato alla presidenza, Michèle Alliot-Marie, ex ministro francese, definita da Forbes nel 2006 la cinquantasettesima dona più potente al mondo, Joe Lieberman, ex senatore degli Stati Uniti e primo ebreo americano candidato alla vicepresidenza, l’ex segretario energetico del presidente Clinton, Bill Richardson, Matthew Offord, conservatore membro del Parlamento del Regno Unito, Sid Ahmed Ghozali, ex primo ministro algerino, l’ex ministro degli Esteri francese Bernard Kouchner, l’ex primo ministro canadese Stephen Harper. L’Italia è stata rappresentata da Roberto Rampi, senatore del PD, Giuseppina Occhionero, deputata eletta nelle fila di LEU, Antonio Tasso, deputato del M5S. Obiettivo esplicito dell’assemblea: chiedere alla comunità internazionale di porre fine alla politica di pacificazione con l’Iran.

I Mojahedin-e Khalq (MEK) infatti sostengono di avere l’appoggio della maggioranza degli iraniani ma questa volta è l’American Herald Tribune a smentire l’organizzazione. Secondo un sondaggio commissionato nel 2018 dalla Public Affairs Alliance of Iranian Americans (PAIA) solo il 6% degli iraniani residenti negli Stati Uniti sostiene il MEK come un’alternativa legittima all’attuale governo in Iran. Il dato rispecchia l’analisi dell’anno precedente, che riferisce di un debole 7% in merito alle simpatie per Maryam Rajavi, leader del MEK.

Come già scritto in precedenza, i Mujaheddin e-Khalq nacquero nel 1963, in Iran, con l’obiettivo di opporsi all’influenza occidentale nel Paese e come acerrimi avversari del regime dello Shah. Nel 1979 il Mek partecipò alla rivoluzione guidata da Khomeini ma l’ideologia che lo caratterizzava all’epoca era un singolare incrocio di marxismo, femminismo e islamismo. Come tale del tutto incompatibile con quella degli ayatollah sciiti. Così il Mek fu costretto a disperdersi, mentre il suo quartier generale si trasferì a Parigi nel 1981. In questo lasso di tempo il MEK “cambiò pelle”, oltre che ideologi e finanziatori e, cinque anni dopo, riapparve in Iraq, precisamente a Camp Ashraf, a nord di Baghdad. Lì si distinse come formazione armata autonoma — alcune migliaia di combattenti bene addestrati, con le famiglie al seguito — che supportò Saddam Hussein contro l’Iran e apparve attivamente in numerosi episodi della repressione dei curdi iracheni. Il MEK sopravvisse stranamente alla caduta di Saddam Hussein e, nel 2003, venne trasferito, dagli americani vincitori, letteralmente “armi e bagagli”, in un altro grande accampamento militare che prenderà, non a caso, il nome di Camp Liberty. Da quell’avamposto si diramarano numerosi attentati terroristici e azioni di diversione e boicottaggio contro l’Iran. Formalmente “disarmato” dall’esercito statunitense, inserito nella lista delle organizzazioni terroristiche internazionali, il MEK continuò a svolgere un’intensa azione bellica e propagandistica contro Teheran. Sempre sotto la guida del Quartier Generale di Parigi e sempre lasciato libero di agire dai servizi segreti americani, israeliani, francesi. L’ambiguità della sua collocazione non gl’impedisce — anzi lo aiuta — d’incassare il supporto più o meno esplicito di esponenti politici occidentali, come l’ex sindaco di New York, Rudolph Giuliani, e John Bolton, ex rappresentante USA alle Nazioni Unite e attuale Consigliere per la Sicurezza nazionale. Perfino l’ex commissaria europea Emma Bonino si affaccia ad alcune delle iniziative “umanitarie” del MEK. Nel New York Timesnel 2012 apparì un elenco di sostenitori, tra cui diversi esponenti del Congresso americano, ma anche R. James Woolsey e Porter J. Goss, ex direttori della Cia, Louis J. Freeh, ex direttore dell’Fbi, Tom Ridge, ex segretario della Homeland Security sotto la presidenza George W. Bush, l’ex procuratore generale Michael B. Mukasey e l’ex Consigliere per la Sicurezza nazionale ai tempi di Obama, il generale James L. Jones.

Tuttavia, già nel 1994, il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti sottolineava come il MEK non potesse candidarsi alla guida alla Repubblica Islamica: “Evitata dalla maggior parte degli iraniani e fondamentalmente antidemocratica, l’organizzazione dei Mojahedin-e Khalq non è un’alternativa praticabile all’attuale governo iraniano”. Ancora prima, nel 1992, l’allora Segretario di Stato aggiunto, Robert Pelletreau, scriveva: “L’Organizzazione del Mojahedin-e Khalq non rappresenta una forza politica significativa tra gli iraniani, in parte a causa dei suoi stretti legami con il governo iracheno”.

Gli Stati Uniti inserirono il MEK nell’elenco delle organizzazioni terroristiche straniere nel 1997 per “uso occasionale di violenza terrorista”. Nel 2012, al culmine di una campagna di lobbying bipartisan, aggressiva e ben finanziata, l’allora Segretario di Stato, Hillary Clinton, sdoganò il MEK, rimuovendolo dalla “black list”, nonostante l’organizzazione fosse considerata terrorista non solo da Iran e Iraq, ma anche da Unione europea, Gran Bretagna e Canada*. 

Nessun effetto sortì la lettera, pubblicata sul Financial Times nel 2011, di 37 esperti della Repubblica Islamica. Questi, sottolineando l’assenza di ”base politica e di vero sostegno” dell’organizzazione all’interno dell’Iran, mettevano in guardia il Dipartimento di Stato dall’escludere il MEK dalla black list. Tra i firmatari della lettera, Gary Sick, che prestò servizio nello staff del Consiglio di Sicurezza nazionale ai tempi dei presidenti Ford, Carter e Reagan, e che in tale occasione descrisse il sostegno del MEK in Iran “molto, molto limitato”. Mentre Michael Rubin, consulente per il Medio Oriente del Pentagono dal 2002 al 2004, scrisse nel The National Interest che “gran parte della popolazione iraniana, a prescindere dalla sua visione politica, condivide un profondo odio per il MEK”. Aggiunge John Limbert, ex vice Segretario di Stato per l’Iran, che la maggioranza del popolo iraniano “non si fa ingannare dalle pretese democratiche del MEK perché conosce la sua storia omicida”.

Mentre i politici occidentali, secondo quanto riportato da Politico, sarebbero molto sensibili al profumo del denaro che il MEK distribuirebbe lautamente (oltre 20,000 $ per presenziare a un evento), anche in Europa. Tanto che, seguendo la scia del dolce effluvio, El País avrebbe scoperto che il partito Vox sarebbe nato grazie ai finanziamenti del MEK, che tra il 2013 e il 2014 avrebbero sfiorato il milione di euro. 

Tuttavia, qualunque sia l’origine del denaro di cui sembra abbondare il MEK, ai vertici della politica internazionale forse non passa inosservato quanto sostenuto da Trita Parsi, presidente del National Iranian American Council (NIAC): “A differenza di altri gruppi dell’opposizione iraniana, il MEK può organizzare operazioni militari. I suoi membri sono esperti in sabotaggi, omicidi e terrorismo. Queste non sono qualità che si prestano a qualsiasi progetto di “democratizzazione”, ma sono estremamente utili quando l’obiettivo strategico è provocare un cambio di regime (attraverso l’invasione o la destabilizzazione politica)”.

 

L’Iran si difende dalla “Troika del Male”

L'Iran si difende dalla "Troika del Male"

Le riserve di uranio arricchito dell’Iran hanno superato il limite di 300 kg stabilito nell’accordo sul nucleare del 2015. Dopo l’annuncio di ieri, 1 luglio, da parte del ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, in queste ore arriva la conferma dall’Agenzia internazionale per l’energia atomica. Il prossimo passo sarà quello di aumentare il grado di arricchimento dell’uranio (fino al 20%) e la soglia di acqua pesante (che potrebbe arrivare a 13 tonnellate), avverte Teheran, che potrebbe così aprire la strada allo sviluppo di armi nucleari. Leggi tutto “L’Iran si difende dalla “Troika del Male””

A CHI SERVE ORA LA NUOVA NATO ARABA?

NUOVA NATO ARABA

“L’Iran è la principale minaccia in Medio Oriente e affrontare la Repubblica islamica è la chiave per arrivare alla pace nell’intera regione”. Mentre il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, pronunciava queste parole in Polonia, nelle stesse ore, il 13 febbraio scorso, l’Iran veniva colpito da un attentato kamikaze: 42 i pasdaran morti nella provincia sud-orientale del Sistan e Balucistan. La rivendicazione è arrivata dal gruppo jihadista sunnita Jaish al-Adl che ha deciso di colpire mentre il paese celebrava il 40esimo dalla Rivoluzione islamica. Nel silenzio quasi totale dei media nostrani. “Non è una coincidenza che l’Iran venga colpito dal terrore nel giorno in cui inizia il circo di Varsavia – ha scritto in un tweet il ministro degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif – soprattutto quando sostenitori degli stessi terroristi applaudono dalle strade di Varsavia.” A Zarif non dev’essere sfuggita la presenza dell’ex sindaco di New York, Rudolph Giuliani, alle proteste dei Mojahedin-e Khalq lungo le vie della capitale polacca, mentre si svolgeva la “Conferenza per la stabilizzazione del Medio Oriente”, voluta e organizzata dagli Stati Uniti. Scopo dichiarato: creare un fronte unito contro l’Iran. Leggi tutto “A CHI SERVE ORA LA NUOVA NATO ARABA?”

LOADING… OBIETTIVO IRAN 

OBIETTIVO IRAN

Dopo che l’Albania, il 19 dicembre scorso, ha espulso due diplomatici iraniani, l’ambasciatore Gholamhossein Mohammadnia e il funzionario Mostafa Roudakì, l’Unione europea l’8 gennaio ha esteso le sanzioni già precedentemente adottate contro Teheran e approvato all’unanimità l’inclusione dell’intero l’organigramma del ministero dell’Intelligence e della sicurezza iraniano nell’elenco dei terroristi. La decisione, che blocca i beni finanziari dell’unità del ministero iraniano e di due suoi funzionari, il viceministro e direttore generale dell’intelligence di Teheran, Saeid Hashemi Moghadam, e Assadollah Asadi, diplomatico residente a Vienna, giunge dopo le pressioni ricevute da parte dei governi di Copenhagen e di Parigi. Quest’ultimo aveva già congelato il 2 ottobre scorso i beni dei due funzionari iraniani Asadi e Moghadam, accusati di avere organizzato un attentato sventato lo scorso 30 giugno ai danni di una manifestazione dei Muhjaheddin del popolo (MEK) a Villepinte, a nord di Parigi. Da parte sua, Teheran ha smentito qualsiasi coinvolgimento e ha sostenuto trattarsi di una mossa del MEK, con l’aiuto dei servizi segreti israeliani, al solo fine di mettere in difficoltà la visita in Europa del presidente iraniano, Hassan Rohani.

A questo punto, è bene ricordare che i meeting propagandistici annuali del MEK, ai quali ha partecipato anche l’ex rappresentante USA alle Nazioni Unite e attuale consigliere per la sicurezza nazionale, John Bolton, si tengono tutt’ora a Villepinte, mentre la base militare del MEK dal 2013 è stata trasferita, dall’aviazione degli Stati Uniti, dall’Iraq all’Albania, dove società israeliane hanno costruito una piccola cittadina in quel di Manza, come puntualizza Thierry Meyssan. E proprio in Albania la leader dei Mujaheddin e-Khalq, Maryam Rajavi, il 23 giugno 2014, davanti a 8mila membri della setta e 600 personalità occidentali, si rallegrò della riconquista dell’Iraq da parte di Daesh.  Leggi tutto “LOADING… OBIETTIVO IRAN “

La ‘Grande Albania’, un rifugio sicuro per il jihadismo internazionale

La ‘Grande Albania’, un rifugio sicuro per il jihadismo internazionale

Il governo albanese ha espulso due diplomatici iraniani, l’ambasciatore Gholamhossein Mohammadnia e Mohammed Roodaki, funzionario presso l’ambasciata a Tirana, accusati di essere membri sotto copertura dell’intelligence iraniana. Secondo quanto riferisce il quotidiano The Independent, i due sarebbero stati parte di una cellula il cui compito era di organizzare “un complotto per colpire l’opposizione iraniana rifugiatasi in Albania”. La mossa sarebbe stata messa in atto in seguito a colloqui con Paesi “interessati”, tra cui Israele e Stati Uniti. Non a caso l’amministrazione di Washington si è immediatamente congratulata con l’esecutivo albanese per il provvedimento intrapreso.

La notizia diffusa dall’Independentha però sollevato l’attenzione su uno scenario fino ad ora poco studiato e rimasto comunque fuori dal raggio di attenzione internazionale. Scenario in cui gli Stati Uniti hanno affidato all’Albania un ruolo centrale, e il cui fine (uno dei fini) appare quello di incrementare la destabilizzazione dell’intera area balcanica.  

Protagonista di tutta l’operazione è l’organizzazione islamica cosiddetta dei Mujaheddin e-Khalq (Mujaheddin del Popolo, MEK) che dispone ora di una grande base in territorio albanese. L’arrivo in Albania del comando del MEK è preceduto da una storia oltremodo lunga e tortuosa che merita di essere raccontata in dettaglio. 

Leggi tutto “La ‘Grande Albania’, un rifugio sicuro per il jihadismo internazionale”

L’ultimo volo per Teheran

L'ULTIMO VOLO PER TEHERAN

L’ultimo volo Alitalia sulla tratta Roma – Teheran decollerà il prossimo 29 dicembre. L’ultimo collegamento diretto tra Teheran e Roma partirà il 30 dicembre. “Questa decisione si è resa necessaria a causa delle scarse prospettive del volo determinate dal ripristino dell’embargo nei confronti dell’Iran da parte degli Stati uniti”. I passeggeri prenotati sui voli da e per Teheran dopo il 30 dicembre potranno chiedere il rimborso del biglietto senza penali. In un tweet la risposta della compagnia di bandiera ai tanti passeggeri che stipavano i voli diretti in Iran, anche e soprattutto alla luce di nuovo business. La decisione, annunciata dal Cbo di Alitalia, Fabio Lazzerini, in conferenza stampa a New York, segue quelle di British Ariways, AirFrance e KLM.

Nelle stesse ore, mercoledì 12 dicembre, il segretario di Stato americano, Mike Pompeo, interveniva al Consiglio di Sicurezza dell’ONU chiedendo di vietare i test missilistici iraniani. Subito dopo – mentre il ministro dell’Interno italiano, Matteo Salvini, in visita in Israele, definiva “terroristi islamici” i miliziani di Hezbollah – Brian Hook, rappresentante speciale di Washington per la nuova politica verso Teheran, spiegava, a un ristretto gruppo di giornalisti convocati al Palazzo di Vetro, che gli Stati Uniti non intendono continuare a esentare il nostro Paese dalle sanzioni sul petrolio iraniano. Quando scadranno i sei mesi di permesso, Roma dovrà scegliere se continuare gli affari con l’Iran, oppure gli Usa. 

Leggi tutto “L’ultimo volo per Teheran”

Dietro l’olocausto yemenita, il tentativo d’isolare l’Iran

Raid aerei e violenti combattimenti si sono registrati nella regione di Hodeyda, nello Yemen occidentale, sabato e domenica scorsi, nonostante la tregua siglata pochi giorni prima, sotto l’egida dell’ONU, in Svezia. Secondo fonti locali vicine al governo yemenita, almeno 51 persone avrebbero perso la vita nei recenti scontri. Nella mattinata di domenica gli aerei della coalizione saudita hanno continuato a bombardare svariati quartieri residenziali della città portuale, lasciando cadere – stando a quanto riferito dal network televisivo libanese al-Mayadeen – bombe a grappolo sulle aziende agricole. Intanto, mentre proseguono nella città portuale aspri i combattimenti tra gli Houthi e le forze filo-governative, le Nazioni Unite hanno confermato l’entrata in vigore del cessate il fuoco alla mezzanotte di oggi, lunedì 17 dicembre, per questioni “operative”. 

Dal 22 marzo 2015, lo Yemen, uno dei Paesi più poveri al mondo, è teatro di una devastante guerra tra gli sciiti Houthi e le forze governative del presidente Rabbo Mansour Hadi, appoggiato dalla coalizione a guida saudita. Quest’ultima, composta da Bahrein, Egitto, Kuwait, Sudan ed Emirati Arabi Uniti, oltre che dall’Arabia Saudita, è sostenuta, a sua volta, dagli USA, i quali inviano armi, carburante per gli aerei e riferiscono informazioni dell’intelligence. ll numero di yemeniti in pericolo di fame a causa dell’assedio allo strategico porto di Hodeyda, affacciato sul Mar Rosso, secondo le stime delle organizzazioni umanitarie presenti sul territorio, dovrebbe salire a 18,4 milioni entro la fine del mese, tre volte la stima degli ebrei uccisi nell’olocausto. Dalle banchine del porto passano i tre quarti dei beni d’importazione e degli aiuti umanitari destinati alla popolazione del nord, compresa la capitale Sana’a, patrimonio dell’umanità UNESCO, oramai devastata da anni di bombardamenti.

Nel frattempo, Amal è morta di fame. Aveva sette anni, ma era arrivata a pesare come una bambina di pochi mesi. La sua foto, scattata dal reporter vincitore del premio Pulitzer, Tyler Hicks, pubblicata dal New York Times, ha fatto il giro del mondo, scatenando reazioni sdegnate. Amal è solo una delle tante vittime di questa tragedia umanitaria  dimenticata. Una situazione talmente disperata da aver spinto il Presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, grande sponsor della monarchia saudita, a chiedere un immediato cessate il fuoco. 

Così il Senato americano, il 13 dicembre, con due risoluzioni ha dapprima condannato l’Arabia Saudita per l’omicidio del giornalista saudita, Jamal Khashoggi, per poi chiedere alla Casa bianca d’interrompere l’appoggio alla coalizione saudita in Yemen. Nel respingere tale posizione, Ryhad ha immediatamente riferito che intende rafforzare ulteriormente i rapporti con Washington, ritenendo la decisione del Senato basata su false accuse e su una “sfacciata interferenza” negli affari interni del regno, mettendo così a rischio il ruolo regionale e internazionale della petromonarchia. A propria difesa, Ryhad, in un comunicato della casa regnante Saud, ha sottolineato di essersi sempre impegnata nella lotta al terrorismo, contro l’ISIS e al-Qaeda, salvando vite innocenti in tutto il Medio Oriente. 

Eppure fu proprio un dossier preparato a Washington dalla Brookings Institution in cui si analizzavano dati raccolti nel 2013 e nel 2014 a raccontare chi sono coloro che, attraverso donazioni private, foraggiano i terroristi: “cittadini del Qatar e dell’Arabia Saudita che hanno aiutato Daesh attraverso il sistema bancario del Kuwait”. “Follow the money”, si diceva una volta. E allora il comunicato dei Saud oggi aggiunge qualcosa di più: “il regno saudita ha assistito gli USA nel contrasto dell’attività maligna dell’Iran e resta impegnato a fare giustizia”. 

Intanto, le Nazioni Unite, secondo la Reuters, avrebbe già pronto un rapporto confidenziale, firmato dal segretario generale António Guterres, in cui si afferma che l’Iran fornirebbe missili anticarro e antiaerei agli Houthi yemeniti. Suggerito da chi?